logotipo /imagens/bandeiras/pt.gif   /imagens/bandeiras/gb.gif   /imagens/bandeiras/it.gif   /imagens/bandeiras/es.gif   /imagens/bandeiras/fr.gif
  
Slideshow Image 1 Slideshow Image 2 Slideshow Image 3 Slideshow Image 4 Slideshow Image 5 Slideshow Image 6 Slideshow Image 7 Slideshow Image 8
Presentazione
Parole del Parroco de Balasar
Parola di Dio e le rivelazioni private
Apparizioni e rivelazioni - Santa Sede
I Santi e l interpretazione della Scrittura
Balasar
Beata Alexandrina
Storia de una vita
Missione
Messaggio
Spiritualità
Mistica
Colloqui
Estasi
Preghiere
Alexandrina nel mondo
Servizi
Orari Liturgici
Pastorale del messagio della Beata Alexandrina
Servizi ai pellegrini
Pellergrini statistiche
Anno della Fede
Fondazione
Fondazione Alexandrina Di Balasar
Protocollo
Logotipo

I Santi e l interpretazione della Scrittura

 

Interessante leggere nel n. 48 dell’esortazione Post Sinodale Verbum Domini, dove il Papa ci presenta i santi come modelli nella vita della Parola di Dio, e il bisogno di conoscere la loro vita come veri e propri interpreti della Sacra Scrittura.

"48L’interpretazione della sacra Scrittura rimarrebbe incompiuta se non si mettesse in ascolto anche di chi ha vissuto veramente la Parola di Dio, ossia i Santi.[162] Infatti, «viva lectio est vita bonorum».[163]

L’interpretazione più profonda della Scrittura in effetti viene proprio da coloro che si sono lasciati plasmare dalla Parola di Dio, attraverso l’ascolto, la lettura e la meditazione assidua.

Non è certamente un caso che le grandi spiritualità che hanno segnato la storia della Chiesa siano sorte da un esplicito riferimento alla Scrittura. Penso ad esempio a sant’Antonio Abate, mosso dall’ascolto delle parole di Cristo: «Se vuoi essere perfetto, va’, vendi quello che possiedi, dallo ai poveri e avrai un tesoro nel cielo; e vieni! Seguimi!» (Mt 19,21).[164] Non meno suggestivo è san Basilio Magno che nell’opera Moralia si domanda: «Che cosa è proprio della fede? Piena e indubbia certezza della verità delle parole ispirate da Dio ... che cosa è proprio del fedele? Il conformarsi con tale piena certezza al significato delle parole della Scrittura, e non osare togliere o aggiungere alcunché».[165] San Benedetto, nella sua Regola, rimanda alla Scrittura quale «norma rettissima per la vita dell’uomo».[166] San Francesco d’Assisi – scrive Tommaso da Celano – «udendo che i discepoli di Cristo non devono possedere né oro, né argento, né denaro, né portare bisaccia, né pane, né bastone per via, né avere calzari, né due tuniche … subito, esultante di Spirito Santo, esclamò: Questo voglio, questo chiedo, questo bramo di fare con tutto il cuore!».[167] Santa Chiara d’Assisi ricalca appieno l’esperienza di san Francesco: «La forma di vita dell’Ordine delle Sorelle povere… è questo: osservare il santo Vangelo del Signore nostro Gesù Cristo».[168] San Domenico di Guzman, poi, «dovunque si manifestava come un uomo evangelico, nelle parole come nelle opere»[169] e tali voleva che fossero anche i suoi frati predicatori, «uomini evangelici».[170] Santa Teresa di Gesù, carmelitana, che nei suoi scritti continuamente ricorre ad immagini bibliche per spiegare la sua esperienza mistica, ricorda che Gesù stesso le rivela che «tutto il male del mondo deriva dal non conoscere chiaramente le verità della sacra Scrittura».[171] Santa Teresa di Gesù Bambino trova l’Amore come sua vocazione personale nello scrutare le Scritture, in particolare i capitoli 12 e 13 della Prima Lettera ai Corinti;[172] è la stessa Santa a descrivere il fascino delle Scritture: «Appena getto lo sguardo sul Vangelo, subito respiro i profumi della vita di Gesù e so da che parte correre».[173] Ogni santo costituisce come un raggio di luce che scaturisce dalla Parola di Dio: così pensiamo inoltre a san Ignazio di Loyola nella sua ricerca della verità e nel discernimento spirituale; san Giovanni Bosco nella sua passione per l’educazione dei giovani; san Giovanni Maria Vianney nella sua coscienza della grandezza del sacerdozio come dono e compito; san Pio da Pietrelcina nel suo essere strumento della misericordia divina; san Josemaría Escrivá nella sua predicazione sulla chiamata universale alla santità; la beata Teresa di Calcutta, missionaria della Carità di Dio per gli ultimi; fino ai martiri del nazismo e del comunismo, rappresentati, da una parte, da santa Teresa Benedetta della Croce (Edith Stein), monaca carmelitana, e, dall’altra, dal beato Luigi Stepinac, cardinale arcivescovo di Zagabria."

Verbum Domini nº 48

Agenda
2016-2017
Anno Mariano
8 e 9 iuglio 2017
Festa del Signore della Croce
14 de Settembre 2017
Esaltazione della Santa Croce
13 ottobre 2017
Festa liturgica della Beata Alexandrina di Balasar | 62º anniversario della sua morte
31 ottobre 2017
75º anniversario della Consacrazione del mondo al Cuore Immacolato di Maria
Novità nel sito
Preghiere
Servizi
Anno della Fede
Localizzazione

Vedere maggiore
ContattiIndirizzoOrari

Tel. Chiesa: (00351) 252 951 601

Tel. Fondazione: (00351) 252 951 264

Tlm Fondazione: (000351) 963 649 183

E-mail: fundacao@alexandrinadebalasar.com

Fundação Alexandrina de Balasar

Rua Alexandrina Maria da Costa, 21

4570-017 Balasar PVZ

Portugal

GPS     41º 24' 17'' N    8º 37' 31'' W

Accoglienza (Chiesa):

09h-12h30 e 14h00-18h00

 

Casa della Beata Alexandrina:

Inverno

09h00-12h00 e 14h00-18h00

L'estate

Settimana - 09h00 às 12h00 e 14h00 às 16h00

Domenica e nei giorni festivi 08h00 às 19h00